Primavera Fidentina

"Il gruppo civico al servizio della gente …"

Un big snow che ha messo alla prova un piano neve un po’ improvvisato

| 0 commenti

Il “big snow” è passato portandosi dietro polemiche e disagi. Ogni anno è così Non c’è Amministrazione che tenga.

È stato preannunciato con almeno una settimana di anticipo ma questo non è bastato ad evitato critiche e commenti. Molti hanno ironizzato sull’allarme emesso dalla Protezione civile e hanno preso sotto gamba l’arrivo della nevicata. Nonostante la serietà del comunicato non si ha avuto l’impressione che la cosa sia stata presa con la necessaria fermezza.

Siamo consapevoli delle difficoltà. Le complicazioni in quelle situazioni sono tante e non riguardano solo lo sgombero della neve dalle strade. Questa è solo una parte di ciò che si deve fare. C’è tutta l’emergenza che va messa in atto, che va coordinata. Occorre stabilire le priorità: ad esempio le scuole è bene chiuderle o lasciarle aperte, come comunicare coi cittadini, … Perché diciamocelo Facebook non può essere adottato come strumento di comunicazione ufficiale.

Il piano neve con le necessarie emergenze da mettere in atto va predisposto in anticipo e va fatto conoscere ai cittadini. Deve essere messo a disposizione un numero di telefono per dare informazioni ai cittadini.

In questa circostanza si è avvertito un grande problema di comunicazione: la gente non sapeva a chi rivolgersi, molti dicevano tutto e altre il contrrio di tutto. Una maestra ha appreso da un commento scritto su Facebook che la scuola materna dove insegnava era chiusa. Il Sindaco ha comunicato che al sabato le scuole sarebbero state aperte e dopo pochi minuti che invece sarebbero state chiuse. Non è giusta tanta improvvisazione, ci vogliono punti fissi a cui i cittadini possono rivolgersi per avere informazioni precise.

Nel piano vanno anche precisati i compiti dei privati cittadini che devono provvedere a rimuovere la neve negli spazi davanti alle loro abitazioni, davanti ai negozi, nei cortili interni proprio come si faceva una volta.

Una grave complicazione di questa nevicata è stata l’interruzione di corrente elettrica che ha lasciato tante famiglie senza luce ma soprattutto senza riscaldamento.

Apprezzabile è stata la decisione del Sindaco di offrire ai cittadini rimasti senza corrente di essere ospitati in esercizi del posto ma purtroppo c’è stata poca informazione. Anche in questo caso le persone non sapevano dove andare, a chi rivolgersi, se c’erano centri di raccolta, …

Quello che è accaduto ha dimostrato che pensare alla sicurezza della città è una cosa seria e senza fare troppo gli spiritosi occorre agire con più metodo e lungimiranza.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.