Primavera Fidentina

"Il gruppo civico al servizio della gente …"

In consiglio comunale sono volati gli stracci

| 2 commenti

L’ordine del giorno della seduta del Consiglio comunale del 30 novembre era quasi interamente formato da mozioni e interpellanze presentate dall’opposizione. Peccato però che a difenderle siano rimasti solo in tre: Gabriele Rigoni e Luca Pollastri di Rete Civica e Giuseppe Comerci di Forza Italia.

La mozione “Sicurezza e decoro urbano” da programma doveva esser presentata dalla capogruppo di Forza Italia Francesca Gambarini ma è stata sostituita dal suo collega di partito Comerci.

Nel corso del dibattito si è assistito ad un brutto episodio che non fa onore al consiglio comunale.

Ma veniamo ai fatti.

Comerci legge la mozione e dopo di lui la consigliera del Pd Alessandra Narseti illustra le ragioni per cui il suo partito voterà contro. Un discorso più o meno condivisibile ma espresso in modo senz’altro corretto e garbato. Subito dopo interviene Rigoni che, non a torto, lamenta una certa chiusura della maggioranza che in modo sistematico boccia tutte le proposte dell’opposizione.

Dopo di lui prende la parola Comerci che rivolto quasi esclusivamente alla collega Narseti si dichiara deluso e sorpreso dalle sue parole. Con un tono paternalistico ma al tempo stesso piuttosto offensivo. “Da te non me l’aspettavo, probabilmente sei stata consigliata male”.  Quasi a voler dire che lei leggeva un testo scritto e imposto da altri. Giudizio inopportuno.

Ma Comerci ha raggiunto il clou quando se l’è presa con i carabinieri in congedo che secondo lui vanno elogiati perché hanno fatto 40 anni di servizio ma adesso “si bevano un caffè”. “I pensionati devono andare al bar a bere un caffè e a leggere il giornale”.  Parole inaccettabili e ingrate contro le persone che invece di oziare godendosi la pensione mettono il loro tempo a disposizione della collettività. Comerci dimentica che una ricchezza del nostro paese è rappresentata proprio dal grande lavoro che gratuitamente e generosamente viene portato avanti dai volontari che per buona parte sono pensionati.

Durissima la reazione dell’assessore Malvisi che stizzito se la prende con l’amministrazione precedente. Volano parole grosse con  accuse pesanti che raggelano l’ambiente. “Avete dimostrato l’incapacità e il peggio di qualunque amministrazione della storia di Fidenza – una risposta così non me  l’aspettavo da lei”.

Comerci replica con parole che pesano come macigni “Siccome sono stati toccati sul vivo questi signori che ci stanno depredando di tutto quello che abbiamo in casa e non sanno difenderci e cercano di fare chissà che cosa su un’associazione”.  E poi “Assessore Malvisi dove vive, lei viene da Marte … probabilmente è stato trattato bene finora ma adesso si va alle elezioni e bisogna cambiare tratta”. “Se lei non sa fare la sicurezza si dimetta domani stesso e sarà la salvezza della città perché lei è incompetente”.

Parole gravissime che vanno ben oltre la legittima competitività politica e che dovevano essere stigmatizzate dal presidente del consiglio.

A nostro avviso occorre che tutti facciano un passo indietro e che si cerchi un modus vivendi  adeguato. Tante volte per risolvere certi problemi c’è bisogno dell’apporto di tutti.

La sicurezza non è né di destra né di sinistra  e spesso viene percepita in modo molto più sentito del reale.

Tener conto delle diverse opinioni per noi è già un modo per cominciare ad affrontare la questione.

Giovanna Galli

Primavera Fidentina

2 commenti

  1. Analisi complessivamente condivisibile. Sarei meno inclemente verso Comerio che comunque nel suo primo intervento non ha offeso, se mai si è fatto sfuggire una frase finale non felice sui carabinieri che però era a corollario di un intervento che mirava a dire che bisogna confrontarsi sulla sicurezza e non chiudersi a riccio come invece sta facendo la maggioranza minimizzando peraltro il problema diffondendo dati statistici incongruenti ed incompleti. L assessore Malvisi in questo caso ha fatto un po’ come quella gallina che canta per prima…la minoranza ha la frustrazione di sapere già in anticipo che ogni proposta non verrà presa in considerazione se non addirittura sbeffeggiata ( come ad esempio il fascicolo del fabbricato proposto insieme a primavera fidentina). Una maggioranza leggermente comprensiva potrebbe evitare di raccogliere gli accenni olemici per restare invece sul merito concreto delle discussioni. Invece si sollevano polverone inutili al ruolo istituzionale del consiglio. È la maggioranza con il suo modo di agire che si crea l opposizione che vuole. Qui pare ormai assodato che si voglia solo lo scontro, purtroppo, dico io.

  2. Condivido in parte questo post: Io credo che Comerci abbia superato il livello di guardia prima ma soprattutto dopo l’intervento (anche questo troppo duro) dell’assessore Malvisi. Comerci ha offeso tutti i pensionati che fanno del volontariato. Parole per me inaccettabili laddove dice “un pensionato deve andare al bar bersi in un caffè e leggere la gazzetta). Conosco tanti pensionati che fanno generosamente i volontari e dico che ce ne vorrebbero.
    Devo dire invece che ho molto apprezzato il tuo intervento in Consiglio e ho condiviso la tristezza per una maggioranza che non ascolta l’opposizione. Forse non tutte le proposte saranno giuste e condivisibili ma a mio avviso il Sindaco e la sua giunta devono mettercela tutta per trovare l’intesa.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.