Primavera Fidentina

"Il gruppo civico al servizio della gente …"

Primavera fidentina ha gettato un seme per la rivitalizzazione del centro storico e chiederà un consiglio comunale straordinario

| 0 commenti

Il centro storico di Fidenza è spento, la crisi  si è fatta sentire anche nella nostra città, le attività economiche sono ancora in difficoltà e tanti negozi sono stati costretti a chiudere  i battenti.

Il gruppo civico Primavera Fidentina  ritiene però che non sia giusto continuare a piangersi addosso perché la nostra città ha le risorse per potercela fare: ha insediamenti agricoli e punti di ristorazione di valore,  edifici e monumenti artistici importanti oltre ad essere un’importante tappa della Via Francigena.

L’unico modo per riuscire a contrastare il declino è quello di mettere a sistema queste risorse  facendo in modo che tutto funzioni in sincronia.

Il gruppo, che da mesi sta lavorando attorno a questi temi, ha presentato  pubblicamente un  progetto che sviluppa una breve analisi della situazione e  suggerisce alcune proposte. Tutto è da ritenersi una bozza di lavoro perché l’unico modo per far ripartire il  nostro centro storico è poter contare sulla collaborazione dei cittadini. Per ottenere un risultato dobbiamo lavorare tutti insieme, indipendentemente dalle diverse idee politiche. Il gruppo, consapevole di questo, ha fatto un appello affinché altri si uniscano al progetto  per attivare tavoli di lavoro, aperti ai contributi di tutti in una vera e propria democrazia partecipata.

 

Lo scorso giovedì 22 giugno nei locali dell’ex Macello, davanti ad un pubblico attento e interessato, abbiamo sintetizzato i punti salienti del progetto: il Borgo del gusto, la Cultura, il Turismo e la Via Francigena, le Manifestazioni e  il Commercio. Abbiamo evidenziato, però,  anche le carenze quali: la mancanza di proposte che coinvolgano il volontariato e soprattutto l’assenza di un discorso relativo all’urbanistica del centro. Sono pagine che andranno costruite insieme ai cittadini che si renderanno disponibili a collaborare.

Molto gradita è stata la presenza dell’Amministrazione comunale rappresentata dal sindaco Andrea Massari, dall’Assessore Maria Pia Bariggi e dal Presidente del Consiglio Comunale Amedeo Tosi. Tutti hanno espresso un  giudizio positivo sull’iniziativa di Primavera fidentina in quanto è apprezzabile  trovare un gruppo di persone che  con tenacia si sono  incontrate per pensare alla città.

Giudizio positivo per  l’iniziativa è stato espresso anche dall’ex Assessore ai Servizi sociali  Marilena Pinazzini di Rete civica che ha invitato a non demordere ma a continuare a cercare il consenso dei cittadini. Ha, inoltre, sottolineato il fatto che questo progetto è in un certo senso complementare a quello che stanno portando avanti nel suo gruppo in cui stanno affrontando  il tema dell’urbanizzazione e della partecipazione.

Anche per Ambrogio Ponzi è da ritenersi lodevole il tentativo fatto anche se, a suo parere, il progetto va condensato. Fidenza culturalmente è assai povera perché non coltiva di sé memoria e storia e se si esclude il Duomo non presenta altre occasioni di interesse primario rispetto ad altre città.

Il dibattito che ne è seguito è stato particolarmente partecipato e  interessante e ha offerto importanti spunti di riflessione.

Questo incontro è stato solo il punto di partenza di un progetto che deve coinvolgere buona parte della città. Solo se tutte le forze economiche, politiche e sociali si metteranno insieme si potrà riuscire.

Di fatto si è gettato un seme per la rivitalizzazione del centro storico e per valutarne la consistenza si è deciso di chiedere la convocazione di un Consiglio Comunale straordinario. Servirà a dare una veste ufficiale al progetto e sarà l’occasione per verificarne la fattibilità.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.