Primavera Fidentina

"Il gruppo civico al servizio della gente …"

1 aprile 2018
di Giovanna Galli
0 commenti

Dall’Associazione Terzo Tempo ci arriva un grande inno alla vita e all’amicizia

Il volontariato è una risorsa importantissima, rappresenta  il cuore della nostra città e nel nostro progetto di rivitalizzazione del nostro centro storico abbiamo deciso di lasciare uno spazio del sito in cui ospitare  le associazioni del nostro territorio.

Ogni mese ne incontreremo una e la presenteremo ai nostri lettori.

Noi riteniamo che in questo periodo ci sia molto bisogno di conoscere esempi positivi, di persone che hanno deciso di mettersi in gioco offrendo generosamente alla collettività il proprio tempo e le proprie energie.

Iniziamo oggi questo percorso con l’ intervista che abbiamo fatto a Lorenzo e Daria dell’Associazione Terzo Tempo.

Premetto dicendo che incontrare questa coppia è stato per me un momento molto toccante. Conoscevo Daria, per la sua iperattività ma sinceramente sono stata colpita da Lorenzo. E’ un uomo davvero eccezionale: intelligente, attento, di poche parole  ma simpatico e ironico. Amato come pochi è circondato dall’  affetto di tutta la sua famiglia e di tanti amici.  Ha una moglie straordinaria che riesce a coinvolgerlo in tutto e due figli che lo adorano e che se lo contendono con amore.

E’ nato a Fidenza nel 1974, è sposato con Daria con la quale ha avuto due dolcissimi figli: Pietro ed Emma.

La grande passione di Lorenzo era il rugby e proprio nel corso di una partita durante una mischia ha subito un grave infortunio che lo ha reso tetraplegico. Da questo vero e proprio tsunami che ha sconvolto la sua vita gli amici si sono sentiti coinvolti e per aiutare lui e la sua  famiglia hanno deciso di creare un’Associazione che hanno chiamato “Terzo Tempo per Lorenzo”.

Nome certamente non scelto a caso in quanto richiama alla mente il momento che si vive nel rugby quando alla fine di ogni partita i giocatori che sul campo si sono fronteggiati con durezza con le rispettive tifoserie si ritrovano tutti insieme a tavola con amicizia e sportività.

Anche oggi Lorenzo ha una grande  passione per il rugby e sul suo account di Facebook ha scritto “”Il rugby e` una voce del verbo dare. A ogni allenamento, a ogni partita, a ogni placcaggio, a ogni sostegno, dai un po` di te stesso. Prima o poi qualcosa ti tornerà indietro.”

Un’altra sua grande passione è la corsa delle slot car sulle piste elettriche. Lorenzo ha partecipato a molte gare vincendone diverse.

L’Associazione si prefigge di sensibilizzare le istituzioni e i cittadini verso le tematiche dello sport come momento aggregativo e con attenzione alla prevenzione degli infortuni.

Attualmente oltre al sostegno morale ed economico di Lorenzo e della sua famiglia l’Associazione è impegnata per sensibilizzare sulla disabilità e opera  per aiutare persone che vivono in queste condizioni.

Il gruppo è molto attivo e ha realizzato molte iniziative. Sarebbe impossibile elencarle tutte. Ne cito alcune: la dotazione di uno spirometro portatile e di una pompa a siringa per la pediatria di Vaio,  l’acquisto di libri  alla libreria Giunti per le casa famiglia di Fidenza e dintorni, il finanziamento di un ciclo di terapie fisiatriche per i malati di Parkinson curato dalla Fisioterapia del Distretto di Vaio  e in  questo periodo è in corso d’opera la donazione di due pompe a siringa per dosare i farmaci per il reparto di Medicina d’urgenza.

I soci sono presenti in molte  manifestazioni attraverso bancarelle in cui mettono in vendita vari gadget (magliette, cappellini, …) dell’associazione.

Un grosso impegno per loro è rappresentato dall’organizzazione degli “Sfidabili” – una sorta di paraolimpiadi locali che quest’anno è arrivata alla quinta edizione.

“Sabato 19 maggio, a partire dalle 14.30, il Palasport “Luigi Pratizzoli” di Fidenza si animerà: associazioni sportive di atleti disabili daranno vita ad esibizioni e competizioni di vario genere (basket, tiro a segno, slot cars, tiro con l’arco, handbike, danza…). Quest’anno il momento centrale della manifestazione sarà la presentazione e premiazione dei giochi ideati dalle scuole che hanno partecipato al concorso “Tuttingioco”.

Ci sarà inoltre, come ormai tradizione, lo spazio per le sfide: ognuno avrà la possibilità di cimentarsi personalmente nei vari sport, sperimentandoli “nei panni” di un disabile, scoprendo le difficoltà, ma anche le potenzialità competitive che riservano.

Durante le manifestazioni sportive e nel corso della serata si svolgerà anche il nostro terzo tempo, quello della convivialità e della festa, con esibizioni di gruppi musicali e cibo per tutti.”

Ammirevole è l’impegno di Lorenzo e Daria che incontrano classi scolastiche e associazioni a cui portano la loro testimonianza.

I soci che definirei piuttosto amici li accompagnano ovunque in tutte le manifestazioni sportive ed eventi  musicali rendendo più che mai vero il motto del gruppo  “nulla è vietato a chi vive in grande”.

L’Associazione è una associazione benefica no profit, senza fini di lucro. Il suo Presidente è Mirko Loreni e la vice presidente è Silvia Bontempi. I soci iscritti sono un centinaio ma quelli che più si impegnano sono circa una ventina.

In questi giorni è partita la campagna di tesseramento che durerà fino all’estate. La tessera costa solo dieci euro.

L’Associazione ha sede presso l’abitazione di Lorenzo in Via Bologna n. 4. Il suo indirizzo di posta elettronica è fally74@gmail.com.

Chiunque desideri mandare un contributo può farlo tramite bonifico bancario  intestato a

IBAN IT19L0538765730000001948752

Giovanna Galli

Primavera Fidentina

30 marzo 2018
di Giovanna Galli
0 commenti

Ipazia martire pagana condannata dall’ingiustizia e dalla coercizione politica e religiosa

Ipazia Alessandrina,  fu una scienziata e filosofa che visse tra la seconda parte del IV sec.  e gli inizi del V secolo in quello che allora era l’impero romano .

Di lei si sa che insegnò al ginnasio di Alessandria d’Egitto , allora retto dal padre Teone a migliaia di ragazzi pagani , cristiani ed ebrei e che probabilmente fu testimone della distruzione della grande biblioteca di Alessandria ( o di quella del Serapeo ) ad opera di fanatici cristiani nel 391.

Nessuno dei suoi studi,  purtroppo, è giunto sino ai giorni nostri , ma da alcuni scritti dei suoi contemporanei , abbiamo appreso che a lei dobbiamo alcune scoperte sensazionali come l’astrolabio ed il goniometro. Sappiamo anche che con circa 1200 anni di anticipo rispetto a Keplero scoprì il moto planetario ad ellisse dei pianeti spiegando in questo modo le variazioni di posizione apparente dei pianeti delle stelle e del sole , preconizzando un sistema planetario eliocentrico e non geocentrico come dimostrato prima di lei da Aristarco e dopo di lei da Galileo Galilei,.

Proprio per essere una donna di scienza, libera di pensiero pagò con la vita il fatto di non essersi mai convertita al trionfante cristianesimo  rimanendo sempre una neoplatonica.  La storia ricorda che  il  vescovo Cirillo ( divenuto in seguito santo e dottore della chiesa ) la considerava una strega e una meretrice e che per ordine suo venne trucidata nel 410 o nel 412  dall’ordine religioso dei Parabolani che la violentarono,  la lapidarono,  la squartarono e la smembrarono,  portando le varie parti del suo corpo in giro per Alessandria facendone così una martire pagana .

Il sacrificio di Ipazia ( caduto per secoli cadde nell’oblio generale ) così come quello di migliaia di donne jazide , kurde , arabe, o delle minoranze cristiane  di tutto il medioriente ,  che ogni giorno combattono contro la protervia di gruppi integralisti islamici  (spesso finanziati dall’occidente o dai loro alleati ) sono da prendere ad esempio non solo dalle donne  ma anche dagli uomini di tutto il mondo contro ogni forma di ingiustizia sociale e di coercizione politica e religiosa .

Proprio per questo ritengo che non sarebbe male che almeno una via o una piazza di tutte le città d’Italia e del mondo e quindi di Fidenza venisse intitolata alla grande scienziata e filosofa alessandrina.

Ivan Dodi

28 marzo 2018
di Giovanna Galli
0 commenti

L’ex sindaco di Fidenza Giuseppe Cerri ci da qualche suggerimento per rivitalizzare il centro storico

Per capire quali soluzioni possiamo proporre per rivitalizzare il centro storico abbiamo sentito Giuseppe Cerri. Sindaco dal 2004 al 2009, per anni militante nella Dc e poi nella Margherita e nel Pd è certamente un cittadino che conosce bene i problemi di Fidenza.

Il primo punto su cui si sofferma è la piazza della stazione. “Andrebbe utilizzata meglio. Bisognerebbe attuare delle iniziative  nuove per poterla attivare. E’ una risorsa sprecata”.

“Il centro – aggiunge – non è solo il tragitto attorno alla piazza ma va pensato  dalla piazza del Ponte Romano alla Chiesa di San Michele”.

Criticità vengono riscontrate anche nel mercato cittadino che risulta “piuttosto degradato e va ripensato”.  A tal proposito Cerri aggiunge una considerazione che  sentiamo di condividere. “A Fidenza c’è una forte carenza di parcheggi in centro e sarebbe importante che la zona mercato venisse liberata in fretta. Il mercato deve chiudere entro le 13 ma le opere di liberazione del piazzale durano  tre, quattro ore privando il centro di un comodo parcheggio”.

Anche il Centro naturale comunale va ripensato e riprogettato. “E’ un’oasi importante nel centro e occorre rilanciarlo. Le attività commerciali si devono coordinare con le iniziative culturali e gastronomiche. Ampio spazio va dato ai  prodotti locali della nostra zona.  Le attività commerciali devono essere  condivise tra gli esercenti.”

“Anche le Notti bianche che portano a Fidenza tante persone vanno ripensate meglio. I commercianti le devono condividere e sostenere. La condivisione è molto importante  e spesso si ha l’impressione che non ci sia”.

“Occorre incentivare le microattività ma come? Abbiamo un problema di disoccupazione  giovanile ma come fare per incentivare il lavoro dei giovani?. Non è facile rispondere a questi grandi quesiti.

“Molte cose – dice – sono state fatte  ma ho l’impressione che sia mancata una adeguata pubblicità alle iniziative che vengono concretizzate. Sarebbe utile predisporre un calendario un anno per l’altro e non all’ultimo minuto”.

“Occorrono idee per ravvivare il centro. Si potrebbe pensare all’insediamento di tante piccole attività artigianali (calzolai, lavorazioni di pelle, ….) ma è necessario diminuire i prezzi di affitto dei locali. A tal fine sarebbe importante parlare con i proprietari degli immobili.”.

Pare che l’azienda delle Ferrovie dello Stato abbia dato al Comune la disponibilità di alcune stanze sopra la stazione che potrebbero essere utilizzate da associazioni di cittadini. “Che programmi ci sono?” – chiede.

Si deve trovare una strategia che colleghi la piazza col centro. Anche la Fiera di San Donnino che se c’è bel tempo attira migliaia di visitatori andrebbe ripensata introducendo anche altre iniziative. Le bancarelle servono ai piazzisti ma poco ai cittadini.

“Infine, mi sento di dire, che per contrastare i grandi centri commerciali occorre giocare sulla qualità dei prodotti, Questo anche negli alimentari. I cittadini devono trovare nei piccoli negozi del centro caratteristiche di qualità che non trovano nei grandi esercizi”.

Giovanna Galli

Primavera Fidentina

18 marzo 2018
di Giovanna Galli
0 commenti

Dimissioni dell’assessore Bonatti: spontanee o imposte. Occorre chiarezza

Le dimissioni dell’assessore Fabio Bonatti continuano a far discutere perché  anche queste, come quelle dell’allora vicesindaco Alessia Gruzza, sono arrivate inaspettate, caratterizzate da un alone di mistero. In tutti e due i casi gli interessati non hanno rilasciato dichiarazioni ma hanno scelto il silenzio.

Anche questa volta l’opposizione accusa il sindaco di essere un despota, un tiranno che licenzia tutti color che non la pensano come lui.

Se così fosse, sia chiaro, non ci sarebbe nulla di illegale perché la scelta degli assessori spetta a lui, scelta che dovrà poi essere approvata dal  consiglio comunale. E’ successo così anche nel corso della precedente amministrazione quando il sindaco di allora Mario Cantini nel corso del suo mandato ha licenziato tre assessori: Carduccio Parizzi,  Lina Callegari e Fulvia Bacchi Modena.

Riconosciamo al sindaco il suo legittimo diritto di scegliersi figure di sua fiducia ma inutile dire che ci piacerebbe conoscere i motivi che hanno portato a queste dimissioni. Una maggiore chiarezza farebbe bene a tutti, sia a lui ma anche e soprattutto a noi. Questa aria di mistero non ci piace perché crediamo assolutamente nella trasparenza e partecipazione senza se e senza ma.

Facciamo fatica a credere che si sia trattato di un  normale avvicendamento dal momento che si è appreso che l’Assessore Bonatti ha spedito le sue dimissioni alle due di notte, un orario che fa pensare più a una scelta emotiva che a un passaggio già programmato.

Noi auspichiamo che sia l’ex assessore Bonatti che l’ex vicesindaco Gruzza spieghino a tutti come sono andate le cose, facendo chiarezza e smorzando le polemiche.

Da parte nostra desideriamo comunque ringraziare l’assessore Bonatti per l’attenzione e il rispetto che ha avuto per il nostro progetto. Ci ha ascoltati e ha dimostrato interesse per il nostro lavoro e gliene  siamo grati.

Detto questo facciamo un in bocca al lupo al neo assessore Franco Amigoni che da quello che ha anticipato ha programmi che fanno ben sperare. Ci auguriamo di avere anche con lui un rapporto rispettoso e collaborativo.

Giovanna Galli

24 febbraio 2018
di Giovanna Galli
0 commenti

Intervista a Claretta Ferrarini, la nostra rägasa ad buragh

Questa è la nostra prima intervista: abbiamo voluto cominciare con Claretta Ferrarini, grande donna e autentico simbolo di Fidenza.

Claretta è un’autorità nel campo del dialetto ma, vista la sua versatilità, sarebbe alquanto riduttivo limitarla a questo. Infatti ogni qualvolta che entra in scena lei non ce n’è più per nessuno. La ricordo in una manifestazione cittadina in Piazza Garibaldi dove si è esibita con classe innata in balli come “paso doble” e “fox trot”. E’ una persona generosa, sempre disponibile a partecipare a iniziative fatte per beneficienza. E’ dotata di una notevole cultura, fatto abbastanza raro per quell’epoca ha compiuto studi magistrali. Il suo dialetto non è mai risultato una lingua morta perché lei, attraverso lo studio assiduo, è riuscita a portare alla luce tanti momenti della nostra storia passata facendo emergere tradizioni che i più avrebbero ormai dimenticate.

Fidentina doc, ha sempre avuto a cuore la vita della nostra città. Figlia di un operaio del Gudrón (ex Cledca, ex Carbochimica) e nipote di un necroforo (èl süpión ) è nata nella casa adiacente al cimitero dove ha abitato fino a quattro anni, quando insieme ai genitori si è trasferita nelle case di via Porro e via Ariosto.

La incontriamo per carpirle alcune idee e suggerimenti per ridare vita al nostro centro storico, per capire che cosa non funziona e sollecitarla a fornirci suggerimenti e proposte dal suo punto di vista.

Claretta cominciamo dal dialetto, a che età è nata questa sua passione?

In casa nostra non si parlava il dialetto, i nostri genitori si rivolgevano a noi in italiano. Quando a 4 anni andai ad abitare nelle case tra Via Ariosto e Via Porro fui colpita dal linguaggio di alcuni bambini che vivevano lì, sfollati come noi dalla guerra. Tra loro parlavano tutti in dialetto e mi piaceva starli ad ascoltare.

La vera artefice della mia passione, però, è stata mia zia Alda: con me parlava sempre in dialetto, utilizzando un dialetto dottissimo. Di ogni parola mi spiegava il significato e la traduzione in italiano.

Da allora la mia passione per il dialetto ha cominciato ad ingrandirsi portandomi ad occupare gran parte del mio tempo nello studio. Momento decisivo è stato quando ho conosciuto Piren Bernardi detto Pir. Leggendo la sua poesia El puledar ho avuto una sorta di folgorazione.

Da anni faccio parte del “Comitato scientifico per la salvaguardia, la valorizzazione e la trasmissione dei dialetti dell’Emilia-Romagna di cui alla Legge Regionale 18 luglio 2014 n. 16 art. 5”. Si tratta di una commissione formata da 11 esperti del dialetto (i famosi “saggi”) che avrà compiti propositivi e consultivi.  Essere in questa commissione rappresenta un bel riconoscimento che sotto molti versi ripaga della fatica fatta per studiare e approfondire il dialetto.

Da questi studi mi risulta che lei ha scritto alcuni libri in vernacolo

Sì finora ne ho scritti sei: La bonna nova (che è la traduzione dei Vangeli e degli Atti degli Apostoli), due libri di cucina El cùciar d’ùton e èl cuciar d’or, “…Sì… tò surèlla cävala a ‘n òppi”, la Genesi e da ultimo il Dizionario etimologico borghigiano. Ci tengo a dire che il ricavato di questi libri è stato dato in beneficienza ad associazioni locali.

Ma lei non ha fatto solo questo, ricordiamo di averla sentita anni fa condurre trasmissioni radiofoniche

Sì ho condotto trasmissioni in tutte le radiolocali della nostra città. Ho iniziato con Radio Fidenza Onda Libera poi sono passata a Alfa Radio per poi terminare in Radio Monte Kanate. Il mio cliché era un po’ sempre lo stesso: invitavo personaggi locali famosi, politici e non, e li intervistavo. Chiudevo sempre le mie trasmissioni con un quiz sul dialetto e ogni volta alla radio arrivavano una miriade di telefonate.

Lei è stata C’la rägasa ad buragh, la prima e certamente la più famosa maschera di Fidenza

Sì nel 1972 la Famiglia Fidentina mi ha scelto come maschera della città impegno che ho rivestito per quattro anni. Ci tengo a precisare che la maschera cittadina è un simbolo della città che non va banalizzato perché ha un valore importante in quanto rappresenta le trait d’union tra chi gestisce il potere e la gente.

Lei è sempre stata molto attenta anche al tema ambientale. Ricordo il suo impegno nella difesa del Cabriolo?

Ritengo che la zona attorno alla chiesa del Cabriolo rappresenti un vero gioiello della città e non sarebbe accettabile nessuna nuova costruzione. Ho fatto parte del gruppo “Amici del Cabriolo” col quale abbiamo portato avanti una battaglia a difesa di questo angolo della città.

Lei ha dato tanto alla nostra città che in un certo qual modo glielo ha un po’ riconosciuto. Mi riferisco alla consegna della cittadinanza benemerita.

Era il 6 giugno 2012. In una sala consiliare piena di gente il sindaco Mario Cantini mi ha consegnato la cittadinanza benemerita. E’ stato un momento molto emozionante che mi porto nel cuore.

Ma veniamo al nostro progetto sul centro storico. Ha qualche proposta da fare per rivitalizzarlo?

Ormai la situazione è molto compromessa. Per risolvere il problema del centro storico ci vorrebbe la bacchetta magica. Di cose ne sono state fatte tante ma il commercio ha subito un colpo da cui è difficile risollevarsi. La responsabilità di tutto questo è da ricercare nella nascita dell’Outlet e nella proliferazione di tanti supermercati. Auspico la rinascita delle vecchie botteghe che, si sa, applicano prezzi più alti ma rivitalizzano il centro.

Delle vecchie botteghe mi mancano molto i sapori e ho una vera nostalgia degli odori. Mancano i negozi dei piccoli artigiani. Penso agli ombrellai, ai calzolai, ai materassai ..

Mi piacerebbe tanto che qualche giovanevolesse tornare ai vecchi mestieri e non venisse, però, ostacolato da una burocrazia imponente con pesanti controlli del comune e dell’Asl.

Tornando alle iniziative per il centro storico credo che si dovrebbe fare di più per promuovere il nostro Duomo per il quale si fa ancora troppo poco. Non dobbiamo dimenticare che è stata la prima cattedrale d’Italia (1601). Importante è anche il monumento a Giuseppe Garibaldi, che è stato il primo obelisco italiano (1884).

Alla fine di questa lunga chiacchierata c’è qualcosa che vorrebbe aggiungere, che vorrebbe chiedere alle nostre autorità?

C’è una cosa a cui tengo in modo particolare ed è quella di associare ai nomi di alcune vie e borghi di Fidenza i vecchi nomi dialettali che avevano in passato e con il quale venivano conosciuti. Sia chiaro non intendo la traduzione dall’italiano al dialetto del nome attuale ma il recupero dei nomi vecchi. Faccio un esempio: Via Frate Gherardo e Via Romagnosi prima non c’erano ma si chiamavano “i Trâj äd San Pédar”, Vicolo Bondi era Burghén Schivädebit . Un esperimento del genere è stato realizzato a San Giovanni in Persiceto. Voluto con impegno e tenacia dal Dott. Serra (uno degli 11 saggi del comitato regionale) sta riscuotendo molto successo richiamando molti visitatori cultori del dialetto. Va detto che per poter fare questo Fidenza potrebbe usufruire di un contributo economico messo a disposizione dalla Regione Emilia Romagna.

Non ci si stanca mai di parlare con Claretta, una persona simpatica che si ascolta volentieri. Rappresenta una fonte di cultura non scolastica ma di vita, piena di ricordi di persone e di luoghi del Borgo che testimoniano antiche tradizioni che non vanno dimenticate.

Alla fine ci accorgiamo che abbiamo tralasciato tante cose importanti il suo impegno politico, la sua magnifica interpretazione della maestra nel film di Nave Corsara “Te la do io la zebra” oltre alla sua presenza nell’ Accademia del Rumal, associazione di cui è Fondatrice e Presidente. Rimandiamo il tutto ad una prossima puntata.

                                                                     Giovanna Galli   Maria Gentilini

 

10 febbraio 2018
di Giovanna Galli
0 commenti

Progetto di rivitalizzazione del centro storico: Primavera fidentina cambia strategia

Dopo mesi di lavoro alla definizione del progetto di Rivitalizzazione del centro storico abbiamo deciso di cambiare completamente strategia.

Dopo aver parlato con tante persone avevamo deciso di  chiedere una seduta monografica del consiglio comunale per presentare il progetto. Tutto questo non certo per manie di protagonismo ma perché avevamo bisogno di un momento di riconoscimento ufficiale per l’attività svolta. Siamo un gruppo civico nel vero senso della parola e poter contare dell’avallo delle  istituzioni cittadine ci avrebbe consentito di andare avanti più facilmente.

Tutti i capigruppo ci hanno negato questa opportunità: un permesso concesso a noi avrebbe creato un precedente che avrebbe dato l’input anche ad altri gruppi di fare richiesta analoga.

Inutile dire che questa scelta non ci è piaciuta. L’abbiamo vissuta come rifiuto del notevole impegno nel lavoro svolto. Abbiamo cercato di costruire un progetto unitario, slegato da tutti i partiti con l’unico obiettivo di pensare al bene della città.

Il pensiero del Sindaco lo conoscevamo, è stato chiaro da subito quando l’abbiamo incontrato e non ci aveva dato molte speranze. Ci ha invece molto amareggiato l’indifferenza dei gruppi di maggioranza e di opposizione che hanno snobbato le nostre proposte con motivazioni a nostro avviso non giustificabili. Il nostro gruppo non ha mire elettorali e con questo progetto pensava ad un’idea unificante. In un momento in cui la politica è più che altro “divisiva” ci sembrava giusto superare le barriere ideologiche e lavorare tutti per il “bene comune”.

La nostra idea era quella di costruire tavoli di lavoro composti da cittadini che si mettevano a disposizione per lavorare tutti insieme sul centro storico.

La prima reazione è stata quella di mollare tutto. Le difficoltà per noi sono tantissime: non abbiamo una sede e non sapremmo neanche dove organizzare gli incontri. Per noi è già un problema trovare un luogo per riunirci.

Abbiamo lasciato passare un po’ di tempo, ci siamo interrogati sul da farsi e alla fine abbiamo pensato che non aveva alcun senso disperdere tutto quello che abbiamo progettato. Per cui abbiamo intenzione di continuare cambiando però radicalmente la nostra strategia: invece di comporre e riunire gruppi di lavoro saremo noi ad andare dalle persone interessate.

Raccoglieremo pareri, suggerimenti e consigli e li pubblicheremo sul nostro sito che diventerà il fulcro del progetto. Ogni settimana intervisteremo rappresentanti delle aziende agricole, delle associazioni culturali,  commerciali e del volontariato e le pubblicheremo sul nostro sito che diventerà la nostra sede virtuale.

In questo modo auspichiamo di creare un certo dibattito intorno a questi temi.

Primavera Fidentina

Giovanna Galli

17 dicembre 2017
di Giovanna Galli
0 commenti

Progetto di rivitalizzazione del centro storico: ti chiediamo una mano per realizzarlo

Da anni il nostro centro storico si presenta piuttosto spento: molti negozi hanno chiuso e le piccole botteghe di generi alimentari sono ormai sparite. La presenza di grandi centri commerciali come l’Outlet e Fidenza Shopping  ha dato loro il colpo di grazia. Pensare di riuscire ad invertire tale tendenza è senza senso: il mondo sta andando in questa direzione e non ci sono le forze per contrastare questo trend.
Al di là delle solite chiacchiere che riempiono i giornali e i social si ha l’impressione che la politica non si sia impegnata più di tanto.
Noi siamo convinti che per riuscire a rivitalizzare il centro storico sia necessario avere il contributo di tutte le forze vitali del paese. Pensiamo ci sia bisogno dell’impegno generoso di tutti i cittadini, indipendentemente dalle diverse  idee politiche.
Le risorse e i talenti della nostra città non mancano. Occorre cercare le cose che ci uniscono e andare tutti nella stessa direzione..
Ed è proprio con questo spirito che diversi mesi fa abbiamo preparato un documento in bozza sul quale ci siamo consultati con molte persone.
In data 22 giugno l’abbiamo presentato in un incontro pubblico all’ex Macello. Abbiamo raccolto critiche oltre che  consigli e suggerimenti  che ci hanno incoraggiato a continuare.
L’11 luglio abbiamo scritto al Sindaco e al presidente del Consiglio comunale Tosi~ per chiedere di inserire il nostro documento all’ordine del giorno del  consiglio comunale.
Il 24 ottobre il Presidente Tosi ci ha comunicato che la Conferenza dei capigruppo non ha accolto tale richiesta ma ci invita a presentare il nostro documento in un incontro con le competenti commissioni consiliari.
Sinceramente siamo rimasti male perché poter spiegare la nostra proposta nel corso del consiglio comunale significava un riconoscimento istituzionale del nostro impegno che vuole essere politico ma non partitico.
In previsione dell’incontro che avremo con le commissioni comunali desideriamo fare un passo avanti e capire se c’è condivisione del nostro progetto.
Noi siamo intenzionati ad attivare questi 4 tavoli di lavoro:
  • Borgo dei sapori: Agricoltura biologica e ristorazione
  • Commercio e Artigianato
  • Cultura, Turismo e Via Francigena
  • Volontariato
Ogni tavolo si muoverà autonomamente elaborando proposte da presentare all’amministrazione con l’obiettivo guida del nostro progetto. “Rivitalizzare il centro storico”.
Siamo consapevoli che non siamo all’anno zero, che molte cose sono state fatte ma molte restano da fare. C’è bisogno della collaborazione di tutti. Sappiamo che il periodo non è favorevole, che la partecipazione non è più di moda ma crediamo nella generosità dei  fidentini.
Al proposito vogliamo sottolineare l’importanza del mondo del volontariato. Noi desideriamo valorizzare il loro grande ruolo perché la loro presenza rappresenta, per noi, il cuore della città.
Noi abbiamo alcune proposte da  presentare. Non c’è nulla di precostituito, tutto è discutibile e migliorabile.
Detto questo vi chiediamo di partecipare alla nostra iniziativa e vi chiediamo di dirci a quale tavolo sareste interessati a lavorare con noi.
Potete contattarci all’indirizzo mail:~info@primaverafidentina.it~oppure tramite la nostra pagina su Facebook .
Resto in attesa di una vostra risposta.
Colgo l’occasione per augurare a tutti voi tanta serenità.  
Primavera Fidentina
Giovanna Galli

6 dicembre 2017
di Giovanna Galli
2 commenti

In consiglio comunale sono volati gli stracci

L’ordine del giorno della seduta del Consiglio comunale del 30 novembre era quasi interamente formato da mozioni e interpellanze presentate dall’opposizione. Peccato però che a difenderle siano rimasti solo in tre: Gabriele Rigoni e Luca Pollastri di Rete Civica e Giuseppe Comerci di Forza Italia.

La mozione “Sicurezza e decoro urbano” da programma doveva esser presentata dalla capogruppo di Forza Italia Francesca Gambarini ma è stata sostituita dal suo collega di partito Comerci.

Nel corso del dibattito si è assistito ad un brutto episodio che non fa onore al consiglio comunale.

Ma veniamo ai fatti.

Comerci legge la mozione e dopo di lui la consigliera del Pd Alessandra Narseti illustra le ragioni per cui il suo partito voterà contro. Un discorso più o meno condivisibile ma espresso in modo senz’altro corretto e garbato. Subito dopo interviene Rigoni che, non a torto, lamenta una certa chiusura della maggioranza che in modo sistematico boccia tutte le proposte dell’opposizione.

Dopo di lui prende la parola Comerci che rivolto quasi esclusivamente alla collega Narseti si dichiara deluso e sorpreso dalle sue parole. Con un tono paternalistico ma al tempo stesso piuttosto offensivo. “Da te non me l’aspettavo, probabilmente sei stata consigliata male”.  Quasi a voler dire che lei leggeva un testo scritto e imposto da altri. Giudizio inopportuno.

Ma Comerci ha raggiunto il clou quando se l’è presa con i carabinieri in congedo che secondo lui vanno elogiati perché hanno fatto 40 anni di servizio ma adesso “si bevano un caffè”. “I pensionati devono andare al bar a bere un caffè e a leggere il giornale”.  Parole inaccettabili e ingrate contro le persone che invece di oziare godendosi la pensione mettono il loro tempo a disposizione della collettività. Comerci dimentica che una ricchezza del nostro paese è rappresentata proprio dal grande lavoro che gratuitamente e generosamente viene portato avanti dai volontari che per buona parte sono pensionati.

Durissima la reazione dell’assessore Malvisi che stizzito se la prende con l’amministrazione precedente. Volano parole grosse con  accuse pesanti che raggelano l’ambiente. “Avete dimostrato l’incapacità e il peggio di qualunque amministrazione della storia di Fidenza – una risposta così non me  l’aspettavo da lei”.

Comerci replica con parole che pesano come macigni “Siccome sono stati toccati sul vivo questi signori che ci stanno depredando di tutto quello che abbiamo in casa e non sanno difenderci e cercano di fare chissà che cosa su un’associazione”.  E poi “Assessore Malvisi dove vive, lei viene da Marte … probabilmente è stato trattato bene finora ma adesso si va alle elezioni e bisogna cambiare tratta”. “Se lei non sa fare la sicurezza si dimetta domani stesso e sarà la salvezza della città perché lei è incompetente”.

Parole gravissime che vanno ben oltre la legittima competitività politica e che dovevano essere stigmatizzate dal presidente del consiglio.

A nostro avviso occorre che tutti facciano un passo indietro e che si cerchi un modus vivendi  adeguato. Tante volte per risolvere certi problemi c’è bisogno dell’apporto di tutti.

La sicurezza non è né di destra né di sinistra  e spesso viene percepita in modo molto più sentito del reale.

Tener conto delle diverse opinioni per noi è già un modo per cominciare ad affrontare la questione.

Giovanna Galli

Primavera Fidentina

25 novembre 2017
di Giovanna Galli
0 commenti

Un Tempio della cremazione che farà discutere

Nel corso della seduta del consiglio comunale del 21 u.s., col solo voto della maggioranza, in quanto l’opposizione era uscita dall’aula per protesta, è stata approvata una variazione di bilancio urgente resasi necessaria per cambiamenti di programma nei Lavori Pubblici.

Tra le cose decise c’è l’acquisto di un terreno adiacente al cimitero urbano da  assegnare ai servizi cimiteriali dedicato alla creazione di un forno crematorio.

Come Parma e Piacenza anche Fidenza avrà il suo Tempio per la cremazione. Sarà costruito in Project financing  e dopo un certo periodo diventerà di proprietà del comune.

Il Presidente del consiglio comunale Amedeo Tosi, proprio in disaccordo su questo punto, ha votato contro la suddetta variazione di bilancio. Non si è astenuto ma ha votato contro tutta la manovra.

Si è detto contrario alla  costruzione del tempio di cremazione per motivi morali e religiosi perché tale concessione è in contrasto con la sua visione etica e i suoi valori.

Di parere esattamente contrario si è dichiarato il consigliere Pd Franco Amigoni che si è detto assolutamente favorevole alla costruzione del Tempio della cremazione proprio per rispetto di tutte le diverse posizioni.  Siccome ci sono persone che optano per questo servizio e sono obbligate a rivolgersi ad altre città è giusto offrirglielo.

Personalmente mi sorgono spontanee alcune domande. Anch’io sono credente ma non ho mai trovato nella Dottrina controindicazioni alla cremazione e vorrei essere informata meglio. Io credo nella salvezza dell’anima e non m’interessa il culto dei morti ma temo che mi sfugga qualcosa.

Detto questo, però, mi sento di osservare che votare contro una variazione di Bilancio è una decisione molto grave e le motivazioni mi sembrano un po’ deboli. Quasi quasi  sarei portata a credere all’opposizione che ipotizza l’esistenza di alcuni dissidi di Tosi con l’amministrazione.

In aula non c’è stato nessun dibattito e si è sentita molto la mancanza dell’opposizione. Sono tante le domande che ci vengono spontanee: a Fidenza coi suoi 26.000 abitanti è giustificata la costruzione di un forno crematorio? C’è una previsione di utilizzo dell’impianto full time per il fabbisogno della nostra città o succederà che per giustificare tale costruzione si sarà costretti a offrire il servizio ai paesi del circondario? L’emissione dei fumi di combustione potrebbe in qualche modo essere pericolosa per i cittadini e soprattutto per gli studenti che da gennaio occuperanno la vicina scuola?

Il Sindaco dirà che è prematuro porsi queste domande ma tante volte le cose succedono con grande velocità e non sempre siamo informati dei vari passaggi. Vigileremo per saperne di più.

                                       Giovanna Galli

16 novembre 2017
di Giovanna Galli
0 commenti

Progetto di rivitalizzazione del centro storico – Turismo e Via Francigena

TURISMO E VIA FRANCIGENA

In un programma articolato come quello sul centro storico di Fidenza un capitolo a parte spetta al  turismo.  Il  percorso del gusto e quello culturale sono di fatto legati a doppio filo col turismo, ma riteniamo opportuno esporre in un capitolo a parte tutta una serie di iniziative, che connesse con la Via Francigena,  andrebbero a sviluppare  un settore come quello turistico che fino a pochi anni fa non rappresentava certo una delle voci più importanti della nostra città.

La causa di ciò era (ed in parte ancora  è)  dovuta alla scarsa importanza che il turismo ha sempre avuto a Fidenza.

Nel corso degli ultimi duecento anni l’economia fidentina si è fondata quasi esclusivamente sull’industria, sull’industria,  sull’agricoltura e sul commercio senza capire, che  Fidenza,  proprio per la conformazione del suo centro storico e per la ricchezza della sua storia, ha  enormi potenzialità per diventare una città turistica .

In questi  ultimi anni le cose sono fortunatamente cambiate e questo è dovuto soprattutto alla lungimirante visione di alcune cittadini che hanno dato vita all’associazione che va sotto il nome di Via Francigena.

Proprio la riscoperta di questa via di pellegrinaggio medioevale ha fatto si che negli ultimi anni il flusso turistico italiano e straniero non solo aumentasse costantemente ma facesse di Fidenza una delle tappe fondamentali, una sorta di capitale del pellegrinaggio turistico verso Roma. Una tappa per visitare la splendida  cattedrale di San Donnino  che, come esempio di stile gotico romanico, è in lizza per diventare patrimonio Unesco dell’umanità.

Partendo quindi da questo punto si potrebbe valorizzare maggiormente il turismo della nostra città e del suo territorio  ampliando l’offerta dei monumenti da visitare, avvalendosi di nuovi uffici turistici e sviluppando percorsi naturalistici che si potrebbero snodare attorno alla città e nell’intero comprensorio da percorrere a piedi o in bicicletta .

UFFICI TURISTICI

Se vogliamo che Fidenza veda aumentare il flusso di turisti in ingresso, per prima cosa  bisogna creare una buona organizzazione logistica in grado di ricevere il flusso di visitatori che potenzialmente potrebbero scegliere  Fidenza come meta turistica da visitare lungo la Via Francigena.

Entrando, quindi, nello specifico per fare questo  dovrebbe creare una buona rete di attività alberghiere e di ostelli,accompagnata  da una distribuzione armoniosa degli uffici turistici i quali dovrebbero fungere da veri punti d’appoggio per il visitatore.

 

Gli uffici turistici dovrebbero essere tre: uno in Piazza Duomo,  uno nel Palazzo dei Gesuiti o nel Palazzo delle Orsoline  e uno all’Outlet per offrire un servizio omogeneo a tutta la città.

Il turista, oltre ai depliant  informativi, potrà  trovare anche buoni relativi a convenzioni commerciali con alberghi,bar,  ristoranti e negozi della nostra città ed infine tutta una serie di informazioni utili.

Vista la molteplicità delle funzioni che questi uffici dovrebbero svolgere sarebbe di vitale importanza poter contare sulla presenza di persone multilingue e di mediatori culturali per poter rispondere ai turisti stranieri di passaggio a Fidenza.

TOUR CITTADINO

Pur avendo la nostra città una storia più che millenaria oggi non dispone di molti monumenti da visitare. Tutto questo a causa delle frequenti distruzioni a cui è andata incontro nel corso dei secoli. Ricordiamo per ultimo i tragici bombardamenti del 1944 che le costarono una tremenda perdita sia di  vite umane che di edifici storici quali la rocca, la chiesa di Santa Maria del Pilastro, il vecchio Vescovado e il Seminario.

Fidenza, tuttavia,  è riuscita a preservare alcuni monumenti di primaria importanza.

In  primis ricordiamo la splendida Cattedrale di San Donnino costruita tra il XII° ed il XIII° secolo,  magnifica costruzione in stile gotico-romanico che con la sua facciata incompleta di scuola antelamica  è in lizza per essere riconosciuta patrimonio Unesco dell’umanità.

Partendo da questo punto, all’interno di un programma turistico armonizzato, si potrebbe dar vita a visite guidate della città in cui visitare quei pochi monumenti che  ancora ci sono tra i quali primeggia il bellissimo Teatro Magnani (classico teatro in stile ottocentesco che è la fotocopia in miniatura del ben più famoso Teatro alla Scala).

Il teatro è intitolato all’illustre cittadino borghigiano Girolamo Magnani, scenografo teatrale preferito dal maestro Giuseppe Verdi.

Come tanti teatri italiani dell’epoca venne ricavato da un edificio di culto inutilizzato, nel nostro caso dalla chiesa di San Giovanni.

Venne iniziato all’inizio del secolo ma per mancanza di fondi venne terminato solo nel 1861.

Ha una particolarità  che pochi altri teatri al mondo  possiedono, ha camera acustica.

Oltre al teatro e alla cattedrale nella nostra città sono presenti anche  una serie di altri monumenti.

Tra di loro spicca il Palazzo Comunale che nella parte più antica pare risalire all’XI° secolo. Va detto che nel corso degli anni ha subito diversi rifacimenti ed aggiunte.

Prima di essere la sede del Palazzo Municipale in passato è stato la sede del Tribunale. Si ricorda che la sua sala di maggior pregio (quella consigliare ) era l’aula  giudiziaria.

Accanto a questi tre  monumenti principali ve ne sono poi altri meno noti ma non per questo meno importanti come:

  1. La Torre Medioevale, ultima traccia delle mura cittadine
  2. Il palazzo delle Orsoline
  3. La chiesa di San Faustino, la più antica chiesa di Fidenza attuale luogo di culto della comunità degli Ortodossi
  4. La chiesa della Zappella, la prima chiesa dei Frati francescani a Fidenza e luogo dove  San Francesco compi un miracolo dei pani e dei pesci
  5. La chiesa di S. Michele
  6. La chiesa di S. Pietro

Tutti questi monumenti insieme alla chiesa templare di Coduro, al villaggio terramaricolo e all’abbazia di Castione  Marchesi potrebbero costituire un tour cittadino da arricchire ulteriormente con iniziative commerciali e  attività culturali quali ad esempio il villaggio del gusto, il percorso culturale o, più in grande, alle rocche delle terre dei Pallavicino  ai luoghi verdiani e alle vicine città termali.

LA VIA FRANCIGENA

La via Francigena è una serie di strade o sentieri che a partire dal IX° secolo furono percorsi dai pellegrini che da Canterbury si dirigevano verso Roma in visita religiosa ai luoghi del papato della città eterna .

Pur avendo molte varianti il percorso principale (descritto dal monaco inglese Sigeric) vedeva nella nostra città una delle tappe fondamentali dell’intero itinerario. Era proprio a Fidenza che i pellegrini,  dopo aver percorso un tratto della antica via Romea (la romana via Emilia) volgevano a sud verso Costamezzana per attraversare gli Appennini al passo della Cisa e da lì attraversare la Toscana fino ad arrivare a Roma.

Tale percorso, una volta smessa la sua funzione di via di pellegrinaggio, venne  per molto tempo  dimenticato. La sua riscoperta risale ad una quindicina di anni fa da parte di un gruppo di persone,   che, sulle orme del ben più famoso cammino di Santiago de Compostela  (San Giacomo)  fondarono   con grande coraggio e lungimiranza  l’Associazione dei Comuni della Via Francigena,  associazione che ha assunto un carattere europeo e che vede proprio nella nostra città la sua “Capitale”.

In questi anni,  però, nonostante  l’impegno profuso e gli ottimi risultati raggiunti da un punto di vista turistico  la via Francigena dovrebbe essere maggiormente valorizzata integrandola in un unico programma storico dell’area urbana di Fidenza e del suo comprensorio.

Per prima cosa riteniamo che bisognerebbe provvedere a predisporre una buona segnaletica in più lingue per orientare il turista di passaggio utilizzando frecce,  cartine del territorio e dell’area urbana di Fidenza.  Cosa importante ma forse un po’ troppo avveniristica sarebbe la presenza di un vero e proprio “sentiero francigeno” posto a fianco della strada principale, per permettere al pellegrino di attraversare il nostro territorio  in tutta tranquillità (a piedi, in bicicletta o a cavalli).

Il percorso dovrà essere inframmezzato da piccoli punti di ristoro dotati di: fontanelle, segnaletiche dell’itinerario,  punti ricovero per biciclette oltre  a tutta una serie di informazioni in merito alla via Francigena  e all’itinerario da seguire.

A livello commerciale, attorno  a questo percorso,  si potrebbe dar vita all’equivalente del  Borgo  del Gusto e che potrebbe andare sotto il nome di “negozi – botteghe della via francigena”.

Tra di loro dovrebbero esserci i “negozi del pellegrino” in cui trovare materiale dell’epoca medioevale (attrezzature e oggettistica utile al pellegrino)  oltre  a prodotti dell’artigianato e dell’industria locale.

Una cosa davvero positiva sarebbe quella di predisporre piccoli corsi di formazione per le persone che desiderano imparare i primi rudimenti delle professioni artigianali.

Di vitale importanza poi è il coinvolgimento di bar, ristoranti e attività commerciali collocati nelle vie del centro  che, se  interessate, potrebbero sviluppare iniziative “a tema”  legandole alla Via Francigena.

PERCORSI NATURALISTICI

Un’ ultima voce da prendere in considerazione nel capitolo del turismo è quella dei percorsi naturalistici cioè  tutta quella  serie di percorsi che si potrebbero snodare lungo le zone verdi fuori e dentro la città dando la possibilità a cittadini e turisti di fare una passeggiata in sicurezza in mezzo al verde, a piedi od in bicicletta, senza doversi preoccupare del passaggio di veicoli.

Due di queste aree potrebbero essere: il parco regionale dello Stirone (con ingresso nel quartiere Luce)

e l’area verde posta a sud della città, che va dalla Chiesa di Cabriolo sino allo Stirone.

In questo modo due aree verdi si collegherebbero in un unico grande parco pedonalizzato.

è chiaro che queste due soluzioni non esauriscono le possibilità. Ci sono tante altre aree verdi attorno a Fidenza che,  alla pari di queste due,  potrebbero essere attrezzate per offrire a cittadini e turisti un’alternativa verde che potrebbe coniugare agroalimentare, cultura, arte, benessere psicofisico,  ristorazione,  commercio ed artigianato …

Tutti punti  in apparenza molto diversi l’uno dall’altro ma che, invece, sono complementari molto di più di quello che si può pensare.